giovedì 14 novembre 2013

Si mangia troppo

E sono anni che cerco invano di dimagrire, se mi guardo indietro, ricordo che tutto ebbe inizio che ero solo una bambina. Sono spaventata.
Ogni giorno che passa penso che questa fissazione sia una cosa passeggera, mi dico nella testa "ma si, passerà" e invece...invece sono anni che mi ritrovo a fissare il mio corpo nello specchio con il sangue agli occhi e la voglia di spaccarlo in mille pezzi.
Anni, troppi anni, quasi mi vergogno a dire quanti sono, non voglio ammetterlo nemmeno a voi ragazze, a voi che provate le mie stesse cose e che probabilmente siete in questo limbo insieme a me chissà da quanto tempo.
Perdonatemi ma mi vergogno troppo, scriverlo, dirlo ad alta voce, anche solo pensarlo significherebbe mettere me stessa a nudo davanti ad una realtà scomoda dalla quale si cerca sempre di fuggire, senza mai volerlo veramente.
Ho paura che questo non cambierà mai, ho paura che se un giorno sarò incinta rischierò di mettere in pericolo la vita del mio bambino, ho paura di restare incinta anche se tra 10 anni solo per il terrore di ingrassare. E' una cosa che mi fa ribrezzo, io mi faccio ribrezzo, mi faccio schifo perchè arrivo a credere che sarei disposta a rinunciare al miracolo della nascita, a diventare madre solo per non ingrassare; mi disgusto.

Sono giorni che sono a dieta ferrea e ho ceduto ad un'abbuffata, per fortuna in casa non ho molto cibo quindi ho dovuto limitare la mia fame incontrollaile. (Voglio cavarmi via il grasso dal corpo).
Non riesco a raggiungere nessun risultato, non sono abbastanza forte, voglio essere magra, con le ossa che mi traforano la pelle, cavolo lo voglio più di ogni altra cosa.
E tutto questo mi fa rabbia, come cavolo posso sprecare le mie energie su una cosa così stupida, perchè sono una ragazza intelligente, sì lo sono, eppure perdo tempo energie e tutto dietro un'ambigua irreale irrazionale folle malata e irragionevole idea di magrezza, non di bellezza ma di magrezza e perfezione.
E' assurdo come il nostro cervello ci spinga verso una meta incolore, pallida e grigiastra, autolesionista e corrosiva,quasi mortale; ma la cosa più assurda è che molte volte noi ci rendiamo conto di come tutto questo sia così irrimediabilmente sbagliato, ma allo stesso tempo è giusto.
E' un controsenso lo so, non riesco a spiegarmi ma spero riusciate a capirmi, per noi questa strada e queste convinzioni sono la forza delle nostre giornate, ciò che di più giusto ci possa essere, nella la lista ideale di valori e obbiettivi sono collocate al primo posto, ma è come se dentro di noi ci fossero due "io" che sono in disaccordo, una ci dice che è sbagliato, ma ce lo sussurra piano e non sembra esserne tanto convinta, l'altra ci urla a gran voce che la cosa più giusta da fare è inseguire ana con tutte le forze che abbiamo in corpo; la prima parla come se stesse sussurrando ad un dormiente, la seconda ci incita come una cheerleader ad una partita di football.
Noi la sentiamo la prima, quella calma e razionale, sì, siamo in grado di sentirla ma non la ascoltiamo, chiudiamo occhi e orecchie e ci lasciamo cullare dalle urla frenetiche e isteriche di quella parte di noi così distruttiva.

Mi sono sfogata.

Ho questo dualismo contrastante che mi affolla l'esistenza.

Perdonate la mia assenza, e le mie presenze così sporadiche è solo che cerco di fuggire da me stessa e scrivendo qui rafforzo la "cheerleader" che è in me.

Buonanotte ragazze, fatevi cullare dai sogni perchè li siamo fantastiche.

mercoledì 11 settembre 2013

Dolore fisico

Sto impazzendo, non reisco a concludere la dieta, non riesco a seguirle,a mala pena la inizio.
Mi faccio schifo. 51 Kg.
Abbiate pietà di me.
Qualcuno venga a cavarmi il grasso dal corpo.

lunedì 15 luglio 2013

E si pensa sempre di aver tempo...

Eh sì, pensiamo sempre di qvere un sacco di tempo, e anche quest'anno sono arrivate le vacanze il grasso comanda. Niente ossa,niente costole,niente bacino, niente spazio tra le gambe, ma solo cellulite e grasso.
Grasso Grasso Grasso ovunque.

Ossa Ossa Ossa Ossa da nessuna parte.

Mi vergognerò anche quest'anno. Ogni mattina davanti allo specchio sarà la stessa tortura, e il mare sarà l'inferno.
Sopravviveremo anche quest'anno.

Perchè è questo che sappiamo fare, sappiamo SOPRAVVIVERE, lo sappiamo fare bene. E' a VIVERE che non abbiamo mai imparato.

sabato 8 giugno 2013

E la storia continua,

Ragazze scusate l'ennesima scomparsa. Sono ingrassata e mi vergognavo a scriverlo,a dirvelo e ad ammetterlo.Sono 52 kg,una merda, e l'estate è alle porte.
Sto seguendo una nuova dieta di 600-700 kcal al giorno, dovrei riuscire a perdere il peso desiderato e ad arrivare a 45 kili esattamente per la fine della sessione d'esami. Quando andrò in vacanza sarò perfetta.
Continuiamo a salire e scendere di peso, il problema e che non scendiamo mai abbastanza vero?
Chissà per quanti anni andrà avanti questa storia, come un'altalena che oscilla in continuazione senza mai fermarsi. Un moto perturbato.
Per quest'estate ce la farò. Sono magra, sto bene, sono in forma ma non mi piaccio. Io non voglio essere magra perchè voglio essere SOTTILE. Sottilissima e asciutta. Dai sono positiva,penso positivo. Ce la farò me lo sento.
Secondo questa dieta, considerato il mio peso e la mia altezza e i chili che voglio perdere, mangiando 600-700 kcal a giorno dovrei riuscire a scendere di 1 kg ogni settimana.
Quindi tra sette settimane peserò 45 kg, anche se ovviamente tra qualche settimana dovrò diminuire ancora le calorie altrimento smetto di perdere peso. Però farò questo sacrificio più che voletieri.
Riesco a gestirle bene. Mangio sano, frutta e verdura in grande quantità e riesco anche a far avanzare qualche caloria per un pò di cioccolata o un gelato :) Non vado mai oltre la quantità giornaliera. E non ho attacchi di fame improvvisi durante il giorno.
Colazione,pranzo e cena. Giusto ogni tanto un minuscolo spuntino per merenda.
Ragazze speriamo bene. se avete dei consigli, vi prego non esitate a darmeli. Fingo di essere ottimista e speranzosa, mentre in realtà sono disperata. Spero che a voi vada meglio.
Vi mando un bacio, spero che vi arrivi.

Aggiornerò presto.
Sam*

lunedì 22 aprile 2013

Quando non sto bene con me stessa

Mi sono resa conto che voglio perdere peso quando non sto bene con me stessa, se sto male sfogo il malessere sul mio corpo in modo da poter sorridere tranquillamente davanti agli altri.
 
Il peso è un problema,ma quando sto male per me diventa il problema.
 
Ora voglio dimagrire, ma stasera andrò a mangiare una pizza con le amiche, sorriderò e quando sarò a letto chiuderò forte forte gli occhi per trattenere le lacrime,li strizzerò così forte in modo da cacciare via tutti i pensieri brutti.
 
Va tutto bene, sempre...va tutto benissimo.
 
Ora sto male, ho un malessere che sta dormendo nel petto, ma è un sonno iqnuieto...finchè continuerà a riposare dentro me, mi guarderò allo specchio vomitando brutti pensieri addosso.
Tra qualche notte avrò strizzato gli occhi così forti che l'avrò convinto a nascondersi per bene,non lo vedrò più e tutto andrà meglio, fin quando non tornerà nel suo letto, quello che gli spetta, da qualche parte dentro me...
 
Quando non sto bene con me stessa, sorrido.
 


sabato 13 aprile 2013

Passerà?

Mi hai strappato il petto. Ora c'è una voragine,che ci faccio con una voragine?
Fa male,passerà.
Passerà?

mercoledì 20 febbraio 2013

La fine di un'altra giornata

E un'altra giornata è andata.
Sta per finire la sessione d'esame e per qualche giorno potrò rilassarmi.
Oggi ho mangiato un pugno di insalta con un goccio d'olio, e per cena 70g di spinaci sconditi. Dovrei essere addirittura sotto le 100 kcal,mi sento soddisfatta.
sento appena los tomaco che si lamenta, ma è un DOLCE LAMENTARSI, probabilmente si sta complimentando con me, ocn la mia forza e la mia determinazione. Tutto avrà più valore solo quando sarò magra.

Ieri mi mancava la voglia di vivere,forse l'avevo lasciata in qualche stanza, o dimenticata tra libri e appunti. Ogni tanto la perdo...chissà dove va.
forse si fa un giro del palazzo alla ricerca di qualcuno che la voglia più di me; quando manca per più tempo sicuramente è perchè controlla il quartiere,controlla i passanti, quelli che comprano il pane o le sigarette dal tabaccaio sotto casa, quelli che aspettanto pazientemente l'autobus, i bambini che entrano a scuola, i genitori che li accompagnano in ritardo per il lavoro, la portinaia che squadra tutti dalla testa i piedi, il cane che si aggira tra i pali della luce, i bambini dell'asilo,le mamme e le maestre...
sicuramente li controlla tutti, dal primo all'ultimo cercando qualcuno più adatto di me, qualcuno che la desideri veramente questa voglia di vivere,che sappia apprezzarla e che sappia come godersela, probabilmente qualcuno talvolta l'avrà anche trovato, ma poi ha sempr edeciso di tornare da me.
Forse ogni tanto si lascia persuadere dai sensi di colpa e decide di tornare,capisce che in fondo, anch'io ho bisogno di lei,che per quanto io sia terribilmente strana,complessata,depressa a modo mio (un modo nascosto al mondo) e incredibilmente masochista, decide di ritornare.
Io ho bisogno di lei, ed è a lei che dedico questo posto, vorrei chiederle scusa.
Scusa se non la so apprezzare.
Scusa se quando va via la lascio andare.
Scusa se non tento di fermarla.
Scusa se a volte sono io a cacciarla.
Scusa se non capisco la sua importanza.
Scusa se deprimo lei deprimendo me stessa.
Scusa se il mio corpo da cicciona non è la casa che volevi.
Scusa se la mia mente da malata non la condividi.
Scusa se il mio cuore un pò raggrinzito ti fa pena.
Scusa se un pò ti disgusto.
Scusa se odi i miei modi di fare.
Scusa se cedo alle mie abbuffate.
Scusa se non riesco ad evitare i fallimenti.
Scusa di tutto mia cara "voglia di vivere".

Grazie perchè torni sempre da me, ti assenti ma ritorni.

Un'altra giornata è passata, quasi finita. L'ho divorata, non potendo mangiare cibo ho divorato il tempo. Abbiate pietà, so che i giorni vanno apprezzati,amati, assaporati e gustati fino in fondo; ma daltronde io non sono capace a farlo.
O digiuno o divoro, come pe ril cibo, così è anche la mia vita.
Divoro e digiuno persone,amicizie e affetti. Divoro e digiuno compiti,studio ed esami.
Divoro e digiuno me stessa, senza fine...

Ora vi slauto e vi abbraccio. Mando un pensiero a tutte voi. Mi attendono i miei spinaci.
E dopo qualche altro lamento/complimento del mio stomaco, la giornata sarà finita davvero.

lunedì 18 febbraio 2013

Confusa

Mi sento persa, il peso non scende, gli esami mi devastano e non stanno andando benissimo, o per lo meno non come mi aspettavo.
Ma la cosa che mi devasta e che mi spiazza è che c'è un altro lui.

Il mio Lui è perfetto, lo amo e non riesco ad immaginare la mia vita senza, e nel futuro mi vedo esclusivamente come sua moglie e madre dei suoi figli,ma forse perchè siamo lontani, forse perchè ho bisogno di qualche emozione nuova per dare un senso alla passività delle mie giornate, o forse perchè un pò mi manca il flirt,le emozioni, l'arrossire davanti a un ragazzo che ti piace e lo scopri a guardarti, forse perchè mi manca tutto questo mi trovo nella situazione attuale.

Non avevao tradito il mio Lui neanche con il pensiero, non riuscivo neanche ad fantasticare su un altro ragazzo, e ora?
Non ci riesco neanche ora, ma ogni tanto penso a L'altro, non fantastico su di lui, non immagino di baciarlo, di farci l'amore o altro...non immagio nulla di tutto questo, ma immagino solamente la sua faccia che galleggia davavnti ai miei occhi.
Penso a lui, e vorrei che mi notasse, non voglio per enssun motivo tradire Lui,e non mi sfiora neanche minimamente l'idea di lasciarlo, e allora perchè ogni tanto mi capita di pensare a L'altro?

Con L'altro non c'è stato e non ci sarà mai niente se non una normale e poco coinvolgente amicizia, non siamo nulla se non poco pù che conoscenti, quasi amici. Non riuscirei a vedermi con fidanzata con L'altro, non riuscirei a vedermi sotto le lenzuola con L'altro, neanche tra le sue braccia o altro, non mi interessa ne alivello sessuale ne a livello sentimentale....
....allora perchè mi scopro a pensare a lui? Ci penso e basta,nulla di più, sono solo fugaci pensieri.

Forse ho veramente bisogno di emozioni nuove, la vita passiva,piatta e sempre uguale stanca e sicuramente dopo anni di fidanzamento un pò ti mancano le emozioni che provavi da single, ho voglia di sentirmi corteggiata, ho bisogno di sapere che piaccio ancora, voglio provare quell'emozione che si prova quando un ragazzo ti fa sentire al centro della sua attenzione.

Io ho Lui, e mi basta non voglio nessun altro e mai lo vorrò, forse voglio soltanto che Lui sia più forte,che mir icordi che per lui sono bella, che gli faccio ancora girare la testa, voglio scoprirlo a fissarmi quando sono ditratta, voglio che gli piaccia la mia goffagine,voglio che sia un pò più ambiazioso e soprattutto voglio che sia un pò più forte, sono stanca di essere forte per tutti e due, siamo distanti e lo saremo per anni, dobbiamo abituarci a vederci ogni mese oppure ogni due. Voglio che sia lui a darmi forza ogni tanto, non voglio sentirlo sempre triste e depresso, sono un pò stanca.

Forse è per questo che ogni tanto penso a L'altro, forse solo perchè ho bisogno di emozioni nuove, solo emozioni, non sensazioni, non voglio una nuova realtà, e neanche una vera e propria fantasia,perchè l'unica fantasia di cui ho bisogno è Lui, il mio Lui...è solo che vorrei che ogni tanto mi facesse sentire più viva. Più donna, e mi ricordasse che lui è l'uomo,l'uomo forte di cui ho bisogno.

Ti amo amore, cerca di leggere tra le righe,tra i miei silenzi, non buttarmi tra le braccia di un altro,tienimi stretta a te. Ho bisogno della tua forza, perchè la mia non basta.

Quando sarò magra forse non avrò più bisogno di conferme, mi sentirò bella, sarà forte abbastanza e nona vrò bisogno di nessun L'altro su cui fantasticare di tanto in tanto.
Avevo bisogno di sfogarmi, non volevo ammetterlo con nessuno che conosco, le mie piccolissime fantasie inutili e strane su L'altro mi riempivano di vergogna. Ma con voi mi sento libera.
Non giudicatemi, amo Lui,è me stessa che non amo abbastanza.

giovedì 7 febbraio 2013

Ricordare i 47

Ricordare i vecchi e tanto amati 47 chili è un sogno misto ad incubo, la bellezza del ricordo e l'amarezza del presente. Quest'estate voglio essere magra,perf...no perfetta non lo sarò mai, ma almeno magra. Voglio potermi non vergognare di indossare il costume.

Rivoglio i miei 47, anche 48 va bene. Ma allontanatemi da 51,52,53.. e anche dai 50 e dai 49. Non avrò pietà con me stessa. 47 e basta.

Avete visto come sono piena di buoni propositi, avete visto come sembro convinta e intestardita. Ma cederò,mangerò e ingrosserò...e ancora e ancora e ancora. I miei propositi vanno sempre a farsi fottere, parto convinta, decisa e senza vedere ostacoli sul mio percorso, e puntualmente cado.
Cedo.
Cedo.
Cedo.
Cedo.
Cedo.
Cedo.
Cedo sempre.

Ricordo i 47 e ricordo come mi piacevano, cavolo se mi piacevano.
Erano perfetti. Ridatemeli. Ridatemeli subito.
Che qualcuno me li ridai, vi scongiuro.
In cambio vi do qualche kilo di troppo, ne ho in abbondanza, magari qualcuno di voi li rivuole.

mercoledì 6 febbraio 2013

Cavolo è vero, essere magre consola

E' inutile che fingo che non m'importi.
Sono ingrossata,sono ingrossata per Lui,sono ingrossata per non destare sospetti,sono ingrossata perchè era pià semplice.
Ma è inutile far finta di esserselo dimenticata, ESSERE MAGRE CONSOLA.

Quando qualcosa non va, va male, ti disturb,ti abbatte e ti tira gù di morale, ti guardo allo specchio,vedi la sottile perfezione delle tue ossa che si sposa e si incastrano perfettamente con la carne e ti senti appagata,sollevata e consolata. Il mondo gira un pò più lento, e ti viene di meno il mal di mare.

In quel momento ti ricordi che c'è una battaglia che devi proseguire, della quale sei contemporaneamente protagonnista, eroe e nemico.

Ti ami di più, ti fidi di più,ti piaci di più.

Ti senti migliore, basta questo, ma ti sento realmente migliore di te stessa, più sei magra e più sei forte, e più sta meglio, e più sei grande, e più ti ami,e più ti vuoi amare, e più vuoi dimagrire, e più stai........male......

E più e più e più e più.. è questo il punto, c'è sempre bisogno di qualcosa di più, non essere mai abbastanza.
E' questa la nostra paura, quella che divora noi mentre noi divoriamo cibo o aria.

Ma la paura la sconfiggi, la sconfiggi con lo specchio, con le ossa. Purtroppo per noi, la paura la sconfiggi se sei magra.


Ragazze è inutile che lo nego a me stessa, essere magra mi appaga, mi riempie, è ciù che voglio,mi basta...
MI CONSOLA

Se n'è accorto

Lui se n'è accorto, se n'è quasi accorto. Ha fatto due più due, poco tempo - tanti chili e ha capito.
Mi ha interrogato, quasi accusato. Mi voleva spogliare delle mie bugie, voleva conoscere i miei segreti, insisteva, si insinuava con educazione, mi ha messo lentamente con le spalle al muro, aveva troppe prove, e io poche argomentazioni.
Ma non ho ceduto, non potrei mai cedere. Non può saperlo, forse sarei addirittura disposta a lasciarlo se lo scopre, se smette di credere alle mie bugie,ripetute così tante volte che sono riuscite a convincere persino me.
Forse lo lascerei, lui che è la mia vita, che è il mio tutto, forse lo allontanerei, perchè non capirebbe.
ha sempre saputo che tendo a tenere sotttocontrollo il peso quuando vedo qualche chilo in più,che tendo a mangiare poco e quasi nulla, ma non ha mai neanche immaginato il vomito.
Ora dubita,accusa,indaga,parla,sputa,cerca,si insinua,controlla,pressa...ora non posso sfuggire. Devo essere brava,devo essere attenta, devo essere scaltra.
Ora non posso sbagliare.
Ora devo mettercela tutta.
Altrimenti dovrò scegliere.......
...e io non voglio scegliere,sto bene così.

venerdì 18 gennaio 2013

Stomaco chiuso

Sono sotto stress per gli esami, l'ansia mi distrugge.
Ho lo stomaco chiuso,non riesco a mangiare. Lo adoro.

Il panico e l'ansia sono devastanti ma in compenso non riesco a mangiare,ho un sigillo alla bocca dello stomaco. Rifiuto il cibo senza fatica, eppure sono costretta a mangiare,punto in alto, punto a voti alti, voglio dare soddisfazioni ai miei genitori,punto al 30 e purtroppo non si prende digiunando.

Faccio colazione con thè e biscotti integraili, pranzo con solo un pugno di legumi e cena con insalata.
Li ingurgito sotto sforzo, mi autoimpongo di mangiare perchè mi serve, ma vorrei digiunare.
Perchè? Perchè non so decidere su cosa è meglio per me?  Perchè non distinguo le priorità?

Qual'è la mia priorità: l'università o dimagrire?

Cosa voglio dalla vita e cosa voglio da me stessa ancora non lo so,può darsi che voglio troppo oppure troppo poco.
Ho bisogno di......
Di cosa ho bisogno?

Non lo so...

Forse ho bisogno di un cervello nuovo, e di un pò di forza in più.

martedì 15 gennaio 2013

Scusate,ero scomparsa.

Manco dal mio blog da molti mesi ormai, la verità è che volevo fuggire, volevo scappare da tutto questo,far finta che tutto vada bene. Volevo dimenticarmi della pesantezza dei problemi, del cibo avvelenato, della mia mente malata nella sua sanità.
Volevo ricominciare, volevo credere di farcela, volevo piacermi, volevo piacere, volevo piacere piacendomi, volevo rialzarmi, volevo uscire dal buio...

...eppure eccomi ancora qui.

Nella vita di ogni persona ci sono migliaia di problemi gravi, risolvibili, devastanti, accettabili, terminali, distruttivi...ce ne sono migliaia;nella vita di tutti e anche nella mia.
Allora perchè ho deciso di crearmene uno in più? Perchè ne ho voluto aggiungere un altro inutile e futile alla lista?
Ero troppo piccola quando gli ho permesso di entrare e ora non riesco più a mandarlo via perchè ha messo radici, o forse perchè ormai ho imparato a conviverci. Mi ribello, torno a galla, credo di sconfiggerlo ma comunque si ripresenta.

Ho paura della paura stessa.

Ho paura di non farcela, e allora mollo così evito di fallire cercando di convicermi che una rinuncia è migliore di un fallimento.
Rieccomi qui ragazze, non so epr quanto se solo per oggi  o se per sempre. Statemi vicino.
E lo farete lo so,mi starete vicino quando vi guarderete allo specchio,quando vi peserete o vi comprerete un nuovo paio di jeans,perchè quella ragazza riflessa nello specchio,sopra la bilancia e nei jeans sarò anch'io. Siamo uguali. Sane e malate. Forti e deboli.
Stiamoci vicine perchè non siamo sole,anche se forse a volte preferiremmo esserlo.

Vi saluto,cercherò di non mancare e se mancherò allora significherà che non avrò avuto bisogno di buttar via quello che ho dentro,significherà forse che quello che ho dentro è un pò meno marcio,e quindi che io sono un pò meno io,che sono più normale.
Forse...