sabato 12 maggio 2012

Lettera ad Ana

Cara Ana,
guardami! Guardami attraverso i miei stessi occhi e poi dimmi cosa pensi? Vado bene così? Allora che dici?
"NO" questa è la tua risposta, ed hai ragione perchè di certo non vado bene così.
Dammi la forza cara Ana.
Dammi la forza di migliorarmi.
Dammi la forza di rendermi perfetta.
Dammi la forza di perdere quei dannatissimi chi li troppo.
Da più di 6 anni che mi aiuti in silenzio, vivendo di nascosto, riempiendomi la vita, dandomi un obbiettivo.
Sei la mia luce ispiratrice e la mia salvezza, tu mi completi e mi purifichi.
Perché quando non mangio il controllo mi rende viva, e quando mi abbuffo non vomito solo il cibo, ma anche ansie, paura del futuro, rabbia e dolore del presente, rimpianti e rimorsi del passato.
Io ho bisogno di digiunare, di ingannare il mio stomaco così come inganno il resto del mondo, ho bisogno di stare da sola in silenzio, sotto le pesanti coperte del mio letto, accarezzata dalle lenzuola e pensare e a vagare con la mente, a vivere in quel mondo ideale,perfetto e parallelo che esiste solo dentro di me.
Io ho bisogno di vomitare,ho bisogno di mangiare da sola lontano dal resto del mondo, ho bisogno di vedere la lancetta della bilancia che scende sempre di più.Ho bisogno di guardarmi nello specchio senza piangere.Ho bisogno di te nella mia vita perché sei una compagna fedele e leale. Tu non sei in grado di mentirmi, non lo fai mai, ma ti limiti ad aprirmi gli occhi sul mondo, a comunicarmi la realtà nella sua terrificante freddezza.

Ho bisogno di te ANA, resterai con me perché sto male, perché piango in silenzio e perché vivo come una proiezione della mente di qualcun altro.
Vivo senza neanche rendermi conto che sto vivendo.

Nessun commento:

Posta un commento